PRODOTTI INDUSTRIALI



DIVISIONE INDUSTRIA

motoriduttori sew eurodrive
riduttori siti spa
riduttori epicicloidali brevini
riduttori wittenstein alpha
riduttori motovario
riduttori lenze
riduttori bonfiglioli *
riduttori
riduttori mobile equipment
riduttori siemens
pompe e valvole ksb
agitatori industriali
anelli di tenuta
cinghie industriali
componenti food marbett
inverter e azionamenti
cremagliere in plastica
componenti antivibranti
cuscinetti
decapanti
elementi modulari rosta 
elettromagneti
fascette stringitubo
freni e frizioni
guarnizioni
guide a sfere
mandrini
martinetti
martinetti idraulici
materiale d'attrito
motori brushless
motori elettrici
motovibratori
nastri trasportatori
pompe industriali
plastici industriali
riduttori e rinvi
rulli per nastri
ruote per carrelli
saldatrici deca
servoattuatori
sistemi modulari  
spirali  
supporti alberi rotanti
tenditori automatici
tenute meccaniche
torneria meccanica  
trasmissione meccanica
unita' lineari
utensili beta
valvole
variatori
ventilatori centrifughi
articoli vari

DIVISIONE AUTOMOTIVE

www.powerparts.it
 
*fino esaurimento scorte



 
  Riduttori motoriduttori e motori elettrici sew eurodrives
 
Posizionamento con bus di campo


Proprietà
Per quanto possano variare le applicazioni per il posizionamento a tabella, l'alta funzionalità del modulo applicativo raggiunge l'obiettivo.

  • È possibile specificare un numero qualsiasi di posizioni di destinazione e selezionarle via bus di campo / bus di sistema.
  • La velocità e le rampe per la corsa di posizionamento si possono selezionare a scelta tramite il bus.
  • Si possono definire e valutare dei finecorsa software.
  • Come encoder esterno si possono utilizzare a scelta encoder incrementali oppure encoder assoluti.
  • Semplice collegamento al sistema di controllo sovraordinato (PLC).
  • Messa in servizio e diagnosi guidate.
Tutti i vantaggi insieme:

  • Interfaccia utente di semplice impiego.
  • Si devono immettere soltanto i parametri necessari per il "posizionamento con bus di campo" (rapporti di riduzione, velocità, diametri).
  • Parametrizzazione guidata invece che complicata programmazione.
  • Il modo monitor offre una diagnostica ottimale.
  • L'utente non deve necessariamente avere esperienza di programmazione.
  • Non è necessario un lungo addestramento per conoscere il sistema.
Problema di azionamento: posizionamento con bus e posizionamento con bus di campo esteso
Il modulo "posizionamento con bus di campo" è adatto alle applicazioni per il posizionamento con un numero variabile di posizioni di destinazione.

Funzione completa o ridotta – il posizionamento con bus è disponibile in due versioni:

  • "posizionamento con bus" con 3 dati di processo e specificazione variabile della posizione di destinazione e della velocità.
  • "posizionamento con bus di campo esteso" con 6 dati di processo e specificazione variabile della posizione di destinazione, della velocità e della rampa.
Il posizionamento con bus trova applicazione nei seguenti settori:

  • tecnica di trasporto
  •  
    • carrelli
    • dispositivi di sollevamento
    • veicoli su rotaie
  • logistica
  •  
    • trasloelevatori
    • carrelli trasversali
  • palettizzazione / movimentazione
  •  
    • robot per movimentazione multiassiale
    • portali
La soluzione con MOVIDRIVE®
Parametrizzare invece che programmare
Il modulo applicativo utilizzato è "posizionamento con bus" o "posizionamento con bus esteso" (nell'esecuzione tecnologica parte integrante del software operativo MOVIDRIVE® MOVITOOLS® MotionStudio). Un'interfaccia utente di semplice impiego vi guiderà attraverso la parametrizzazione e voi dovrete immettere semplicemente i parametri necessari per l'applicazione: ad esempio rapporti di riduzione, velocità della corsa, diametri motori e posizioni da accostare. A partire da qui, il modulo applicativo ricava il programma di comando e lo carica nel convertitore di frequenza.

Alta funzionalità
  • Per quanto possano variare le applicazioni per il "posizionamento a tabella", l'alta funzionalità del modulo applicativo raggiunge l'obiettivo.
  • È possibile specificare un numero qualsiasi di posizioni di destinazione e selezionarle via bus di campo / bus di sistema.
  • La velocità e le rampe per la corsa di posizionamento si possono selezionare a scelta tramite il bus.
  • Si possono definire e valutare dei finecorsa software.
  • Come encoder esterno si possono utilizzare a scelta encoder incrementali oppure encoder assoluti.
  • Semplice collegamento al sistema di controllo sovraordinato (PLC).
  • Messa in servizio e diagnosi guidate.
Tutti i vantaggi insieme
  • Interfaccia utente di semplice impiego.
  • Si devono immettere soltanto i parametri necessari per il "posizionamento con bus di campo" (rapporti di riduzione, velocità, diametri).
  • Parametrizzazione guidata invece che complicata programmazione.
  • Il modo monitor offre una diagnostica ottimale.
  • L'utente non deve necessariamente avere esperienza di programmazione.
  • Non è necessario un lungo addestramento per conoscere il sistema.
 
 
Taglio al volo


Problema di azionamento: taglio al volo
Il materiale continuo deve essere tagliato in lunghezza: questo è il compito classico del "taglio al volo". Prima del processo di segatura la sega va sincronizzata, durante il processo di sezionamento deve muoversi in modo sincrono rispetto al materiale e, alla fine, tornare nella posizione di partenza per riavviare nuovamente il ciclo.

Inoltre, con il "taglio al volo" si possono realizzare ulteriori applicazioni con ciclo simile, ad esempio trasporto di materiale sincrono, stazioni di riempimento.

Il segnale di avvio per la sincronizzazione si genera in due modi:

  • mediante controllo della quota di taglio
  • mediante controllo delle marcature di taglio
La soluzione con MOVIDRIVE®
Parametrizzare invece che programmare
Il modulo applicativo SEW "taglio al volo" è parte integrante del software operativo MOVIDRIVE® MOVITOOLS® MotionStudio. Un'interfaccia utente di semplice impiego guida attraverso la parametrizzazione l'utente, che deve immettere semplicemente i parametri necessari per l'applicazione, ad esempio quote di taglio e corsa di aggancio.

A partire da qui, il modulo applicativo ricava il programma di comando e lo carica nel convertitore di frequenza. Il MOVIDRIVE® si fa quindi carico dell'intero controllo dei movimenti.


Alta funzionalità
Per quanto possano variare le applicazioni per il "taglio al volo", l'alta funzionalità del modulo applicativo raggiunge l'obiettivo.

  • Controllo a scelta via bus di campo o morsetti.
  • Specificazione delle differenti quote di taglio via morsetti o bus di campo.
  • Protezione del bordo di taglio o separazione con la funzione "creazione interspazio".
  • Funzione di taglio immediato mediante interrupt manuale.

Controllo del movimento via IPOSplus®
Nei moduli applicativi trova impiego una caratteristica fondamentale dei convertitori di frequenza MOVIDRIVE®, vale a dire il controllo di posizionamento e di sequenza IPOSplus®. Sulla base delle specifiche del modulo applicativo, un programma IPOSplus® nel MOVIDRIVE® assume il controllo completo della sequenza del movimento direttamente sulla macchina nel MOVIDRIVE®.


Tutti i vantaggi insieme
  • Interfaccia utente di semplice impiego.
  • Si devono immettere solo i parametri necessari per l'applicazione.
  • Parametrizzazione guidata invece che complicata programmazione.
  • Scelta fra controllo della quota di taglio o controllo della marcatura di taglio.
  • Durante il funzionamento il monitor visualizza tutti i dati importanti.
  • Il programma IPOSplus® esegue l'intero controllo dei movimenti nel MOVIDRIVE®.
  • Il collegamento a sistemi di controllo sovraordinati via bus di campo è semplice.
 
 
Controllo della gru

Controllo della gru parametrizzato, non programmato

Problema di azionamento: controllo della gru
Quasi ovunque e in quasi tutti gli ambiti industriali devono essere sollevati e movimentati dei carichi. Ad esempio nei cantieri, luoghi di trasbordo merci, magazzini e nei capannoni di montaggio e di produzione.

Entrano quindi in gioco gru per costruzioni edili, gru a portale, carrelli e dispositivi di sollevamento. In questi casi è necessario che gli azionamenti si possano manovrare sul posto manualmente (da terra) o remotamente (radiocomando). Naturalmente, devono essere presenti i dispositivi di sicurezza necessari come il riconoscimento del carico oppure il controllo dei finecorsa.

Una tipica applicazione per il controllo della gru sono le gru a portale. In queste gru, il controllo si può utilizzare per i due assi di traslazione e naturalmente anche per l'asse di sollevamento. Per i due assi di traslazione bisogna limitare il percorso di avanzamento con i finecorsa. Usualmente, oltre ai finecorsa si utilizzano anche dei finecorsa preliminari per ridurre la velocità alla fine del percorso. Per motivi di sicurezza i finecorsa devono essere monitorati. Per usufruire in modo ottimale della potenza installata per l'asse di sollevamento, la velocità viene ridotta in funzione del carico.



La soluzione con MOVIDRIVE®
Parametrizzare invece che programmare
La soluzione del problema di azionamento con MOVIDRIVE® si basa sul modulo applicativo "controllo della gru". Il modulo applicativo "controllo della gru" è parte integrante del software operativo MOVIDRIVE® MOVITOOLS® MotionStudio e si può abilitare una volta acquistata la licenza. Un'interfaccia utente di semplice impiego guida attraverso la parametrizzazione l'utente, che deve immettere semplicemente i parametri necessari per l'applicazione, ad esempio i riferimenti, le rampe e le velocità.

A partire da qui, il modulo applicativo ricava il programma di comando e lo carica nel convertitore di frequenza. Il MOVIDRIVE® si fa quindi carico dell'intero controllo dei movimenti. Potete decidere se il convertitore di frequenza deve essere controllato mediante la preselezione variabile della velocità oppure con riferimenti fissi.


Alta funzionalità
Per quanto possano variare le applicazioni per il "controllo della gru", l'alta funzionalità del modulo applicativo raggiunge l'obiettivo.


  • 6 riferimenti fissi per il collegamento multistadio.
  • Velocità variabile nel modo operativo "potenziometro motorizzato".
  • Possibilità di commutazione fra riferimenti fissi e velocità variabile durante il funzionamento.
  • I finecorsa preliminari e quelli principali vengono monitorati.
  • La velocità si riduce quando vengono accostati i finecorsa preliminari.

Controllo del movimento via IPOSplus®
Nei moduli applicativi trova impiego una caratteristica fondamentale dei convertitori di frequenza MOVIDRIVE®, vale a dire il controllo di posizionamento e di sequenza IPOSplus®. Sulla base delle specifiche del modulo applicativo, un programma IPOSplus® nel MOVIDRIVE® assume il controllo completo della sequenza del movimento direttamente sulla macchina nel MOVIDRIVE®.


Altre applicazioni
Oltre alle gru a portale, naturalmente si possono realizzare anche altre applicazioni con il modulo applicativo "controllo della gru". Ad esempio:

  • gru per costruzioni
  • veicoli per trasporti interni azionati a mano con monitoraggio dei finecorsa

Tutti i vantaggi insieme
  • alta funzionalità
  • interfaccia utente di semplice impiego
  • si devono immettere solo i parametri necessari per l'applicazione
  • parametrizzazione guidata invece che complicata programmazione
  • non è necessario avere esperienza di programmazione
  • non è necessario un lungo addestramento
  • scelta fra controllo da terra o radiocomando
  • il programma IPOSplus® esegue l'intero controllo dei movimenti nel MOVIDRIVE®
  • controllo dei finecorsa e riconoscimento del carico
 
 
Camma elettronica


Problema di azionamento: camma elettronica
Fino ad ora, per adattare tra di loro sequenze di movimento complesse nelle macchine con funzionamento ciclico si sono utilizzate le camme meccaniche.

La marcia sincrona di tutte le camme era garantita da un albero azionato centralmente, il cosiddetto albero di rinvio. La velocità di produzione della macchina si regolava attraverso la velocità di questo albero. Tuttavia, questa soluzione meccanica offre una scarsa flessibilità e di conseguenza no soddisfa più adeguatamente le esigenze dei moderni impianti di produzione e di elaborazione.

Per questo motivo, nell'industria meccanica e dell'impiantistica le camme meccaniche lasciano il posto sempre più agli azionamenti controllati elettronicamente, le cosiddette camme elettroniche.

La camma elettronica trova applicazione nei seguenti settori:

  • industria dell'imballaggio
  • industria del legno
  • tecnica di trasporto
  • tecnica della movimentazione
  • tecnica delle macchine da stampa

La figura mostra un esempio tipico di applicazione della camma elettronica. Alla fine di un nastro di trasporto, i bicchieri di iogurt appena riempiti vengono collocati su un nastro di trasporto vicino per l'ulteriore lavorazione. Una griglia fa presa fra i bicchieri, li solleva e li sposta. Con la camma elettronica si può realizzare una sequenza di movimento che ne garantisce il sollevamento senza strappo.

La soluzione con MOVIDRIVE®
Serie di unità propria
La soluzione del problema di azionamento con MOVIDRIVE® si basa su un software particolare integrato nella serie di unità "Convertitori di frequenza MOVIDRIVE® con camma elettronica". L'intera sequenza di movimento viene pilotata nel convertitore di frequenza. Per la camma elettronica non è necessario alcun controllo esterno.


Editor della camma elettronica
Alla messa in servizio vi assiste il pratico editor della camma elettronica. A partire da uno schema di movimento, definite la curva dell'azionamento slave con l'ausilio di differenti forme di movimento. Potete anche importare dei dati curva già disponibili. Come azionamento master si possono utilizzare un azionamento concretamente presente oppure un encoder master. Per parametrizzare le fasi di accoppiamento e di disaccoppiamento dell'azionamento slave usate l'editor della camma elettronica. Così è possibile, ad esempio, accoppiare l'azionamento slave in modo guidato dagli eventi o in funzione del percorso. Anche il disaccoppiamento può avvenire guidato dagli eventi oppure dopo un numero definito di cicli.



Ottimizzazione della curva
Una volta generata la curva si possono visualizzare le tre derivate velocità, accelerazione e strappo ed ottimizzare così sul PC la curva per quanto riguarda l'assenza di strappo.



Tabella dei punti base
A partire dalla curva, l'editor della curva genera la tabella dei punti base. Questa tabella costituisce la base per l'indipendenza dell'azionamento master e di quello slave. Potete importare anche una curva già presente sotto forma di tabella dei punti base.



Controllo del movimento via IPOSplus®
Nella camma elettronica trova impiego una caratteristica fondamentale dei convertitori di frequenza MOVIDRIVE®, vale a dire il controllo di posizionamento e di sequenza IPOSplus®. Un programma IPOSplus® nel MOVIDRIVE® esegue l'intero controllo dei movimenti direttamente sulla macchina nel MOVIDRIVE®. Inoltre, con questo programma IPOSplus® si possono controllare anche altre funzioni specifiche dell'impianto.



Tutti i vantaggi insieme
  • Alta funzionalità.
  • Elevata flessibilità dell'impianto.
  • Editor della camma elettronica facile da usare.
  • Possibilità di importare dei dati curva.
  • Ottimizzazione dell'assenza di strappo, dell'accelerazione massima e della tendenza alle vibrazioni.
  • Il modo monitor offre una diagnostica ottimale.
  • Un encoder virtuale può fungere da encoder master.
  • Controllo a scelta via bus di campo o morsetti.
  • Le unità si possono collegare al bus di sistema disponibile di serie.
  • Il programma IPOSplus® esegue l'intero controllo dei movimenti nel MOVIDRIVE®.
  • I concetti decentralizzati sono più semplici da realizzare.
 
 
Posizionamento modulo


Problema di azionamento: posizionamento modulo
Le applicazioni logistiche e di trasporto automatizzate richiedono sempre, per il trasporto del materiale, che venga pilotato un gran numero di sequenze di movimento. Per lo più si tratta di movimenti lineari eseguiti con dispositivi di sollevamento, carrelli o nastri trasportatori e di movimenti rotatori eseguiti da tavole rotanti. Soprattutto i movimenti rotatori sono spesso temporizzati, ad esempio quelli delle tavole circolari temporizzate o dei distributori rotanti, ma anche i nastri trasportatori (i cosiddetti "nastri temporizzati") costituiscono delle applicazioni temporizzate.

Le tavole rotanti temporizzate rappresentano un problema di azionamento concreto. Nella lavorazione il materiale viene fatto ruotare sempre di un certo angolo. Solitamente il movimento ha luogo in un unico senso di rotazione. Un altro problema di azionamento è dato dai distributori rotanti. Qui il materiale viene distribuito in diverse posizioni, che richiedono frequentemente il posizionamento con percorso ottimizzato. La nuova posizione viene accostata sempre con il percorso più breve.

I nastri trasportatori rappresentano un problema di azionamento simile a quello delle tavole rotanti temporizzate. Il materiale sul nastro di trasporto viene fatto avanzare sempre di una certa lunghezza. Un ciclo completo del nastro trasportatore corrisponde ad una rotazione di 360° della tavola rotante temporizzata.



La soluzione con MOVIDRIVE®
Parametrizzare invece che programmare
La soluzione del problema di azionamento con MOVIDRIVE® si basa sul modulo applicativo "posizionamento modulo". Il modulo applicativo "posizionamento modulo" è parte integrante del software operativo MOVIDRIVE® MOVITOOLS® MotionStudio e si può abilitare una volta acquistata la licenza. Un'interfaccia utente di semplice impiego guida attraverso la parametrizzazione l'utente, che deve immettere semplicemente i parametri necessari per l'applicazione, ad esempio le posizioni, le rampe e le velocità. A partire da qui, il modulo applicativo ricava il programma di comando e lo carica nel convertitore di frequenza. Il MOVIDRIVE® si fa quindi carico del completo controllo del movimento, alleggerendo così il sistema di comando sovraordinato. Potete decidere se il convertitore di frequenza deve essere controllato mediante ingressi binari oppure bus di campo.



Alta funzionalità
Per quanto possano variare le applicazioni, l'alta funzionalità del modulo applicativo "posizionamento a modulo" raggiunge l'obiettivo.

  • È possibile definire e selezionare 16 posizioni di destinazione o passi. Quando il controllo avviene mediante bus di campo le posizioni di destinazione e i passi si possono predefinire anche come valore variabile.
  • Per ognuna delle 16 posizioni di destinazione / passi la velocità di avanzamento e la rampa si possono impostare separatamente.
  • Con i rapporti di riduzione non interi si può correggere la deviazione angolare con la ricerca di zero al volo.
  • Se il giunto fra albero motore ed applicazione è ad accoppiamento di forza (= con slittamento) si può definire il riferimento su un encoder incrementale esterno.
  • Le unità utente sono definibili a scelta.
  • Calcolo automatico della risoluzione di posizione e indicazione grafica della posizione.
  • Messa in servizio e diagnosi pratiche e guidate.

Controllo del movimento via IPOSplus®
Nei moduli applicativi trova impiego una caratteristica fondamentale dei convertitori di frequenza MOVIDRIVE®, vale a dire il controllo di posizionamento e di sequenza IPOSplus®. Sulla base delle specifiche del modulo applicativo, un programma IPOSplus® nel MOVIDRIVE® assume il controllo completo della sequenza del movimento direttamente sulla macchina nel MOVIDRIVE®.



Altre applicazioni
Naturalmente, oltre alle tavole rotanti temporizzate, ai distributori rotanti e al nastro temporizzato, si possono realizzare anche altre applicazioni con il modulo applicativo "posizionamento modulo". Ad esempio:

  • dispositivi girevoli
  • azionamenti a manovella
  • applicazioni generali giunto ad accoppiamento di forza fra albero motore e carico

Tutti i vantaggi insieme
  • alta funzionalità
  • interfaccia utente di semplice impiego
  • si devono immettere solo i parametri necessari per l'applicazione
  • parametrizzazione guidata invece che complicata programmazione
  • non è necessario avere esperienza di programmazione
  • non è necessario un lungo addestramento
  • controllo a scelta via bus di campo o morsetti
  • il programma IPOSplus® esegue l'intero controllo dei movimenti nel MOVIDRIVE®
  • realizzazione più semplice dei concetti decentralizzati
 
 
Trasloelevatore


Problema di azionamento: trasloelevatore per percorsi curvi
In un magazzino automatico vengono immagazzinate delle quantità notevoli, motivo per cui esso è dotato di molti corridoi mentre il flusso di materiale è ridotto. In questo caso il trasloelevatore percorre più corridoi e deve essere adatto ai percorsi curvi. Ciò significa che fra l'azionamento anteriore e quello posteriore c'è un differenziale e che il controllo in curva attivo evita i carichi radiali elevati quando viene percorsa una curva. Quando la ruota anteriore entra nella curva, quella posteriore procede ancora sulla retta e rallenta. Quando la ruota posteriore entra nella curva, quella anteriore procede di nuovo sulla retta. Ne consegue un forte aumento della velocità della ruota posteriore che corrisponde, a seconda del raggio e della distanza asse, al fattore 2 o più.


Questo richiede agli azionamenti:

  • suddivisione del carico, vengono azionate entrambe le ruote
  • regolazione dello scorrimento
  • adeguatezza ai percorsi curvi, differenziale elettronico

Soprattutto per ottenere l'adeguatezza ai percorsi curvi sono necessari dei convertitori di frequenza intelligenti. Il sistema di controllo sovraordinato non è in grado di far fronte a questi compiti.

La soluzione con MOVIDRIVE®


Differenziale elettronico con controllo in curva attivo
Il presupposto necessario è che siano note le velocità di entrambi le ruote. Vengono azionate entrambe le ruote del trasloelevatore e ne deriva la suddivisione del carico su entrambi gli azionamenti. I motori di azionamento sono dotati di encoder incrementali e alimentati rispettivamente da un proprio convertitore di frequenza.



Successo grazie alla comunicazione
Entrambe le ruote vengono azionate ed alimentate rispettivamente da un proprio convertitore di frequenza MOVIDRIVE®. I convertitori di frequenza sono collegati da un bus di sistema (SBus) e attraverso l'interfaccia RS-485, entrambi in dotazione di serie.


  • Differenziale elettronico con bus di sistema (SBus)
  • Suddivisione del carico con interfaccia RS-485

Controllo del movimento via IPOSplus®
Ora entra in gioco una caratteristica fondamentale dei convertitori di frequenza MOVIDRIVE®, vale a dire il controllo di posizionamento e di sequenza IPOSplus®. Un programma IPOSplus® nel MOVIDRIVE® calcola, sulla base della velocità specificata per il percorso della curva e delle velocità effettive delle due ruote motrici, la velocità di riferimento dell'azionamento master. L'azionamento slave funziona con regolazione di coppia.



Tutti i vantaggi insieme
  • Le unità MOVIDRIVE® si scambiano attraverso il bus di sistema e l'interfaccia RS-485 i dati per la regolazione della velocità e la suddivisione del carico.
  • Il programma IPOSplus® esegue l'intero controllo dei movimenti nel MOVIDRIVE®.
  • Il differenziale elettronico evita che si creino dei carichi radiali elevati contribuendo così al funzionamento sicuro del trasloelevatore.
  • Trazione sicura del trasloelevatore grazie alla regolazione dello scorrimento.
  • Il controllo in curva attivo consente alla curva di essere percorsa più velocemente del fattore 2,5 - 3.
  • Funzionamento sicuro dei motori trifase asincroni anche nell'ambito di indebolimento.
  • Il collegamento a sistemi di controllo sovraordinati via bus di campo è semplice.
 
 
Posizionamento a tabella


Problema di azionamento: posizionamento a tabella
Una delle applicazioni logistiche e di trasporto più frequenti è il posizionamento come lo si trova, ad esempio, nel trasloelevatore. Un posizionamento si esegue sempre laddove il materiale viene spostato da una posizione all'altra.

Il MOVIDRIVE® nell'esecuzione tecnologica risolve le applicazioni in cui vengono accostate 32 differenti destinazioni con il modulo applicativo "posizionamento a tabella". In questo caso, il percorso è soggetto al controllo di posizione e la posizione di destinazione viene trovata con precisione incrementale.

Il posizionamento a tabella trova applicazione nei seguenti settori:

  • tecnica di trasporto
  •  
    • carrelli
    • dispositivi di sollevamento
    • veicoli su rotaie
  • logistica
  •  
    • trasloelevatori
    • carrelli trasversali
  • palettizzazione / movimentazione
  •  
    • robot per movimentazione multiassiale
    • portali
    • ecc.


La soluzione con MOVIDRIVE®
Parametrizzare invece che programmare
Il modulo applicativo utilizzato è "posizionamento a tabella" (nell'esecuzione tecnologica parte integrante del software operativo MOVIDRIVE® MOVITOOLS® MotionStudio). Un'interfaccia utente di semplice impiego vi guiderà attraverso la parametrizzazione e voi dovrete immettere semplicemente i parametri necessari per l'applicazione: ad esempio rapporti di riduzione, velocità della corsa, diametri motori e posizioni da accostare. A partire da qui, il modulo applicativo ricava il programma di comando e lo carica nel convertitore di frequenza.


Alta funzionalità
Per quanto possano variare le applicazioni per il "posizionamento a tabella", l'alta funzionalità del modulo applicativo raggiunge l'obiettivo.

Controllo a scelta via bus di campo o morsetti.

  • Si possono definire e selezionare 32 posizioni tabella.
  • La velocità di avanzamento si può selezionare liberamente per ogni corsa di posizionamento.
  • La rampa è impostabile separatamente per ogni corsa di posizionamento.
  • Si possono definire e valutare dei finecorsa software.
  • Come encoder esterno si possono utilizzare a scelta encoder incrementali oppure encoder assoluti.
  • Messa in servizio e diagnosi guidate.

Tutti i vantaggi insieme
  • Interfaccia utente di semplice impiego.
  • Si devono immettere soltanto i parametri necessari per il "posizionamento a tabella" (rapporti di riduzione, velocità, diametri).
  • Parametrizzazione guidata invece che complicata programmazione.
  • Il modo monitor offre una diagnostica ottimale.
  • L'utente non deve necessariamente avere esperienza di programmazione.
  • Non è necessario un lungo addestramento per conoscere il sistema.
 
 
Elaboratore di avvolgimento


Problema di azionamento: modulo di avvolgimento
I moduli di avvolgimento si utilizzano quando il materiale continuo viene srotolato per l'ulteriore lavorazione o avvolto a lavorazione terminata. I settori interessati sono quelli dalla carta, della plastica, della lamiera e tessile. In questi campi è molto importante che la velocità di trasporto del materiale rimanga costante. La velocità del rullo di materiale viene modificata in modo inversamente proporzionale al raggio. L'avvolgimento viene eseguito assolutamente senza scosse e la forza di trazione viene tenuta sempre costante per evitare che il materiale si strappi. La soluzione di questo problema di azionamento viene descritta di seguito prendendo ad esempio due svolgitori.


  • Continuo, ad esempio in una macchina per la carta. Il rullo viene srotolato senza interruzione a velocità periferica costante. Il raggio viene calcolato aritmeticamente dal programma IPOSplus® nel MOVIDRIVE®. Le velocità n1 e n2 e il diametro d0 del rullo di tirata sono noti.
  • Temporizzato, ad esempio in una tagliatrice di forme. Lo svolgitore deve avviarsi e fermarsi ciclicamente. L'ulteriore lavorazione temporizzata richiede delle misure particolari necessarie a garantire il trasporto del materiale senza strappo. Una di queste consiste nella conduzione tramite rullo ballerino che compensa le oscillazioni della forza di trazione e gli urti del carico nel funzionamento temporizzato.


La soluzione con MOVIDRIVE®
Collegamento via bus di sistema
La soluzione con MOVIDRIVE® prevede che lo svolgitore e il rullo di tirata vengano azionati ciascuno da un motore. I due convertitori di frequenza MOVIDRIVE® vengono collegati con i bus di sistema disponibili di serie (SBus). Lo scambio dati fra i convertitori di frequenza consente di evitare l'uso di encoder esterni sul percorso. Il convertitore di frequenza riconosce un eventuale strappo del nastro. Un dispositivo automatico di inserimento fa in modo che il lavoro proceda rapidamente.



Guida con rullo ballerino
Il rullo ballerino compensa gli urti del carico e le oscillazioni della forza di trazione che derivano dal funzionamento temporizzato. Il rullo ballerino compensa gli urti del carico e le oscillazioni della forza di trazione che derivano dal funzionamento temporizzato. Un potenziometro rileva la posizione del rullo ballerino e il segnale viene trasmesso al MOVIDRIVE®.



IPOSplus®
Ora entra in gioco una caratteristica fondamentale dei convertitori di frequenza MOVIDRIVE®, vale a dire il controllo di posizionamento e di sequenza IPOSplus®. Grazie ad esso, il MOVIDRIVE® diventa un vero elaboratore di avvolgimento. Un programma IPOSplus® nel MOVIDRIVE® calcola, sulla base delle velocità dello svolgitore e del rullo di tirata e della specifica della forza di trazione ammessa (ad esempio via bus di campo di un PLC) il valore della coppia e il riferimento della velocità dello svolgitore.



Tutti i vantaggi insieme
  • Le unità MOVIDRIVE® si scambiano attraverso il bus di sistema i dati per la regolazione della coppia o della velocità.
  • Il raggio del rullo viene calcolato in modo indipendente nel MOVIDRIVE®. Non è necessario ricorrere ad alcuna metrologia addizionale.
  • Regolazione di coppia integrata nell'applicazione senza rullo ballerino anche per motori trifase standard con encoder.
  • Regolatore PI integrato nell'applicazione con rullo ballerino per regolare la velocità dello svolgitore.
  • Il programma IPOSplus® esegue l'intero controllo dei movimenti nel MOVIDRIVE®.
  • Funzionamento sicuro dei motori trifase asincroni anche nell'ambito di indebolimento.
  • Uno strappo del nastro viene riconosciuto automaticamente e si avvia il dispositivo di inserimento ausiliario.
  • Il collegamento a sistemi di controllo sovraordinati via bus di campo è semplice.
 
 
Avvolgitore con controllo di tiro


Problema di azionamento: avvolgitore con controllo di tiro
In molti settori, ad esempio in quelli della carta, della plastica, della lamiera e tessile, il materiale continuo deve essere srotolato per l'ulteriore lavorazione oppure riavvolto una volta lavorato. L'avvolgimento deve avvenire assolutamente senza scosse e la forza di trazione va tenuta sempre costante per evitare che il materiale si strappi.

Questo avvolgitore con controllo di tiro ha uno svolgitore con due azionamenti, uno per il rullo di avvolgimento e uno per quello di tirata. Solitamente, il rullo di tirata è soggetto al controllo della velocità e il nastro di materiale viene srotolato a velocità costante. L'avvolgitore determina la forza di trazione e il segnale della velocità del rullo di tirata funge da segnale pilota. In molte applicazioni è possibile rinunciare all'azionamento per il rullo di tirata. Al suo posto viene installato un encoder master che fornisce il segnale pilota per l'avvolgitore.



La soluzione con MOVIDRIVE®
Parametrizzare invece che programmare
Il modulo applicativo SEW "avvolgitore con controllo di tiro" offre una pratica soluzione al problema di azionamento. Questo modulo applicativo fa parte del software operativo MOVIDRIVE® MOVITOOLS® MotionStudio. Un'interfaccia utente di semplice impiego guida attraverso la parametrizzazione l'utente, che deve immettere semplicemente i parametri necessari per l'applicazione, ad esempio il diametro e la forza di trazione. A partire da qui, il modulo applicativo ricava il programma di comando e lo carica nel convertitore di frequenza. Il MOVIDRIVE® si fa quindi carico dell'intero controllo dei movimenti.

Per voi ciò significa un considerevole risparmio di tempo alla messa in servizio e, come sappiamo, il tempo è denaro.


Ampie funzioni
Le funzioni del modulo applicativo "avvolgitore con controllo di tiro" sono suddivise in quattro campi:

  • calcolo del diametro del rullo
  • calcolo della forza di trazione
  • curva di avvolgimento impostabile
  • controllo a scelta via bus di campo o morsetti

Calcolo della forza di trazione
Affinché l'avvolgitore funzioni perfettamente è necessario impostare con molta precisione la forza di trazione. A questo scopo è necessario tenere in considerazione i seguenti parametri:

  • diametro di avvolgimento attuale
  • proprietà di avvolgimento
  • coefficienti di attrito dei componenti meccanici

Calcolo del diametro del rullo
Molti svolgitori rilevano metrologicamente il diametro di avvolgimento per poter impostare la velocità di avvolgimento corretta. Questo procedimento di misurazione non viene utilizzato. Il diametro viene calcolato aritmeticamente dal programma IPOSplus® nel MOVIDRIVE®.



Alta funzionalità
Per quanto possano variare le applicazioni per l'avvolgitore con controllo di tiro, l'alta funzionalità del modulo applicativo raggiunge l'obiettivo.

  • Controllo a scelta via bus di campo o morsetti
  • Indicazione della velocità del nastro e del diametro attuale
  • Contatore per la lunghezza del materiale
  • Monitoraggio degli strappi del materiale

Diagnosi integrata
Durante il funzionamento il monitor vi mostra tutti i dati importanti dell'avvolgitore con controllo di tiro.


Curva di avvolgimento impostabile
Per molti materiali, quando aumenta il diametro di avvolgimento è necessario ridurre la tensione di tiro. Il modulo applicativo "avvolgitore con controllo di tiro" vi offre questa possibilità. Usando un pratico editor potete impostare questa proprietà di avvolgimento in base alle vostre esigenze. Potete farlo, a scelta, definendo liberamente la proprietà con una tabella oppure usando una funzione iperbole.



Tutti i vantaggi insieme
  • Interfaccia utente di semplice impiego.
  • Si devono immettere solo i parametri necessari per l'applicazione.
  • Parametrizzazione guidata invece che complicata programmazione.
  • Il diametro di avvolgimento viene calcolato in modo indipendente nel MOVIDRIVE®. Non è necessario ricorrere ad alcuna metrologia addizionale.
  • Il programma IPOSplus® esegue l'intero controllo dei movimenti nel MOVIDRIVE®.
  • Uno strappo del materiale viene riconosciuto automaticamente e si avvia il dispositivo di inserimento ausiliario.
  • Il collegamento a sistemi di controllo sovraordinati via bus di campo è semplice.
 
  SEW EURODRIVE


 
 
  Motoriduttori e convertitori di frequenza
  Motoriduttori standard:
  Motori:
  Convertitore di frequenza MOVITRAC®:
  Convertitore di frequenza MOVIDRIVE®:
  Azionamenti antideflagranti:
  Applicazioni:
 
  Tecnologia servo
  Servoriduttore / Servomotoriduttore:
  Servo motori:
  Servoconvertitore di frequenza:
 
  Sistema di azionamento per installazione decentralizzata
  Azionamenti MOVIMOT® / MOVI-SWITCH®:
  Interfaccia bus di campo / Distributore di campo MOVIMOT:
  MOVIFIT® Controllo degli azionamenti per installazione innovativa decentralizzata:
  MOVIPRO® Controllo azionamenti:
  MOVITRANS® Trasferimento di energia senza contatto:
  Sistemi di azionamenti conformi ECOFAST:
 
  Riduttori industriali
  Riduttori industriali:
 
  Altri prodotti, servizi e tool
  Ingegneria / software di installazione:
  Tecnologia di controllo:
  Pannello operatore / Visualizzazione:
  Comunicazione industriale / Interfacce:
  Unità diagnostiche:
  Tecnologia Safe:
 
 
Tecnica Industriale Srl
S.P. 231 Km 1,110 - 70026 Modugno (Ba) - Italy
Tel +39 0805367090 - Fax +39 0805367091
E-mail: info@tecnicaindustriale.com
Inviaci un email

info@tecnicaindustriale.com
* Inviaci un fax

+ 39 0805367091
Chiamaci

+39 080.5367090
   
Tecnica Industriale Srl Group
 
 

   

 
© 2010 Tecnica Industriale  Srl. Tutti i diritti riservati.
Azienda
Profilo della Compagnia
Lavora con noi

Prodotti
Rete Vendita
Schede tecniche

Marchi
Brand distribuiti
New brand
Sede
Amministrazione
Sede logistica

News
Nuovi marchi distribuiti
Nuova Catalogazione

Info
Tecnica Industriale Srl
Posizioni disponibili
Cataloghi
Ricerca per marchi
Ricerca per categorie

Divisione Industria
Guide prodotti
Tecnica Industriale srl

Divisione Automotive
Soluzioni automotive
Documentazione
Mission

Tecnica Industriale Srl è un'impresa integrata nella distribuzione di forniture per industrie. Presente in circa 70 paesi è impegnata nella logistica e trasporto di ogni tipo di prodotto industriale.
 
     

 
   

© 2014 Tecnica Industriale Srl. Tutti i diritti riservati. Created by www.omnilink.it